Saluto alla luna: rigenerazione ed equilibrio interiore nella vita di tutti i giorni

Nella tua lista di buoni propositi per l’anno nuovo c’è per caso anche “Più pace e serenità nella vita quotidiana”?

 

Ci sono giorni in cui siamo letteralmente pervasi di energia e voglia di fare, altri in cui ci sentiamo spossati e senza forze. Ed è proprio allora che cerchiamo di restituire al corpo il suo equilibrio con aria fresca, sport o yoga. Ma sapevi che anche l’energia della luna può influire sulle nostre condizioni psicofisiche?

La luna: un corpo celeste colmo di energia

La luna è dotata di un profondo potere energizzante. Non solo influisce sulla gravitazione e, di conseguenza, sulle maree, ma pare che sia in grado di influenzare anche il benessere dell’uomo. Magari ti è già capitato di notare, per esempio, che non dormi tanto bene quando c’è la luna piena.

 

Secondo alcuni stili di yoga, in punti ben precisi del corpo umano si trovano centri energetici (oltre ai chakra) che rispondono all’energia lunare: sono i cosiddetti punti lunari, che si attivano durante le varie fasi del ciclo lunare. Le donne possiedono undici di questi punti. Uno di essi si trova tra le sopracciglia. Quando l’energia della luna si concentra lì, sono spesso in una fase immaginativa, diventano creative e fanno progetti.

 

L’energia lunare cambia ogni 2,5 giorni, compiendo un ciclo di 28 giorni che inizia e termina con la luna nuova. Proprio come l’energia lunare varia in base alla fase del ciclo della luna, anche le nostre emozioni e la nostra visione del mondo possono modificarsi con le fasi lunari. Con un unico punto lunare situato sul mento, gli uomini hanno molti meno di questi centri energetici rispetto alle donne. La luna simboleggia la forza femminile e rappresenta il polo opposto rispetto all’energia maschile del sole.

 

 

 

Il saluto alla luna nello yoga: un omaggio alle fasi lunari

Le radici del saluto alla luna affondano nell’Hatha Yoga. Questa sequenza è composta da 17 lenti Asana, che, eseguiti al ritmo della respirazione, danno vita a un flow energizzante per il corpo. I movimenti circolari delle braccia imitano le singole fasi del ciclo lunare, che inizia con la luna nuova, prosegue con la luna crescente e sfocia nel plenilunio, quando la luna può essere ammirata in tutta la sua bellezza. Dopodiché, la luna piena entra nella fase calante, sino a cominciare un nuovo ciclo.

 

Se la fredda energia della luna riequilibra il sole, il saluto alla luna “Chandra Namaskar” – che significa proprio “salutare la luna” – è considerato l’opposto del saluto al sole.

 

Mentre col saluto al sole si accolgono un nuovo giorno e la calda, corroborante energia del sole, che fluisce verso l’esterno (Yang), con il saluto alla luna abbracciamo la forza introspettiva, calmante ed energizzante della luna (Yin). Grazie alla sua azione rinfrescante, questa sequenza è ideale da fare in estate.

 

 

Ecco come praticare il saluto alla luna

Il saluto alla luna è suddiviso in 17 posizioni che danno vita a un flow distensivo e rigenerante:

 

  • 1. Inizia in posizione eretta, con le gambe leggermente divaricate. Le mani sono sui fianchi.
  • 2. Inspirando, porta le braccia in alto sopra la testa. Espirando, allungati verso destra.
  • 3. Ora divarica le gambe, piega le ginocchia e assumi così la posizione della dea. Piega le braccia a cactus, di modo da avere le mani all’altezza delle orecchie, e congiungi i pollici e gli indici. Respira.
  • 4. Con la prossima inspirazione, stendi le gambe e allunga le braccia di modo che siano parallele al tappetino.
  • 5. Gira i piedi di 45° verso destra e, mentre espiri, scendi verso la gamba anteriore con le braccia perpendicolari al tappetino. Rivolgi lo sguardo al cielo.
  • 6. Espirando, porta il braccio sinistro a terra e fletti il busto sulla gamba destra tesa.
  • 7. Ora piega la gamba destra in un affondo e appoggia il ginocchio e il piede sinistro a terra. Porta le braccia sopra la testa e inarca leggermente la schiena. Inspira ed espira profondamente.
  • 8. Girati verso il lato lungo del tappetino, piega la gamba destra accovacciandoti e stendi la sinistra. Unisci i palmi delle mani e portali davanti al cuore.
  • 9. Piega la gamba sinistra e trova il tuo yogi squat (Malasana).
  • 10.-17. Da qui in poi, esegui la sequenza al contrario per l’altra metà del corpo. Il saluto alla luna termina come è cominciato: in posizione eretta con le mani sui fianchi.

 

Il saluto alla luna è adatto in ugual misura a principianti ed esperti. A seconda dello stile, può essere interpretato ed eseguito in vari modi.

 

 

YOGI TEA® Moon Salutation: il compagno ideale per rilassarsi

Dopo un distensivo saluto alla luna, cosa c’è di meglio di una squisita tazza di tè per concludere la propria pratica yoga? Il nostro YOGI TEA® Moon Salutation sprigiona note di eucalipto e menta che aprono l’anima, mentre la curcuma esercita il suo potere radicante. L’ibisco bianco, la melissa e lo zenzero rigenerano corpo e anima, rilasciando nuove energie. Questa speciale ricetta ayurvedica a base di ingredienti calmanti e corroboranti ti può aiutare a ritrovare il tuo equilibrio interiore.

 

Il momento ideale per bere il nostro tè Moon Salutation è tutte le volte che senti il bisogno di rigenerarti e rilassarti, oppure verso sera, per chiudere la giornata all’insegna della calma.

 

Praticando il saluto alla luna e sorseggiando una tazza di YOGI TEA® Moon Salutation, puoi già spuntare una delle voci sulla tua lista di buoni propositi per l’anno nuovo. Per iniziarlo con pace e serenità!