Come possiamo proteggere le api selvatiche? Intervista agli esperti!

Molti di voi probabilmente l'hanno già scoperto: il nostro YOGI TEA® Bee Happy. Una miscela fiorita e fresca che rende tutti felici – specialmente le api selvatiche! Perché tutti i fiori selvatici e le erbe che usiamo in questa infusione sono un'importante fonte di nutrimento per le api a rischio. 

L'idea alla base di un’infusione amica delle api è una questione che sta molto a cuore a YOGI TEA®. L’attenzione nei confronti della natura, degli altri esseri umani e del proprio io è sempre stata al centro di tutto ciò che facciamo. E l'impegno a preservare la biodiversità è una parte importante di tutto questo. Per questo motivo, dal 2020 YOGI TEA è partner della Deutsche Wildtier Stiftung, una fondazione che si impegna per gli animali selvatici a rischio di estinzione, la protezione della natura autoctona e la conservazione degli habitat. 

Ma come avviene esattamente la protezione sostenibile delle api selvatiche? Cosa possiamo fare non solo come società, ma anche come individui, per preservare la biodiversità? E in che modo un’infusione diventa davvero amica delle api? Per rispondere a queste domande, abbiamo invitato Manuel Pützstück, coordinatore del progetto della Deutschen Wildtier Stiftung, per un'intervista. 

 


1.    Buongiorno signor Pützstück. Si sente sempre più spesso: gli insetti autoctoni come le api selvatiche sono a rischio. Da cosa dipende?

 


La notizia della morte degli insetti è di grande attualità, ed è giusto che sia così! Più della metà delle specie di api selvatiche trovate in Germania si trova nella lista rossa delle specie a rischio di estinzione. La principale causa che mette a repentaglio la vita degli insetti è l'intervento degli esseri umani nel loro habitat. A causa dell'intensificazione delle aree coltivate, della crescente urbanizzazione e della conseguente impermeabilizzazione del suolo, si stanno perdendo sempre più strutture che sono vitali per molti insetti. La situazione è particolarmente preoccupante per insetti specializzati come le api selvatiche. Molte api selvatiche si sono concentrate su determinate piante per l’alimentazione e siti di nidificazione. Circa il 75% delle specie autoctone appartiene alle api di terra, che scavano i loro nidi nel terreno o utilizzano cavità esistenti nel suolo. Le esigenze relativamente al tipo di terreno possono essere così speciali, che vengono colonizzati solo terreni sabbiosi o argillosi. 
Altre specie nidificano in fessure della roccia e nei muri o colonizzano cavità o nidi di argilla fatti da loro. Anche i cunicoli nel legno morto realizzati dalle larve di coleottero del legno vengono utilizzati intensamente dalle api selvatiche. Altre api selvatiche amano nidificazione in gambi di piante cavi o contenenti midollo o anche in gusci di lumaca abbandonati. Le strutture dei nidi vengono rivestite e sigillate dalle loro costruttrici con secrezioni corporee, piccoli pezzi di foglie, peli di piante, malta o resine.
Molte specie di api selvatiche sono limitate anche nella scelta delle piante da cui alimentarsi. Le api selvatiche sono vegetariane pure e si nutrono solo di nettare zuccherino e pollini ricchi di proteine. Oltre alle specie che raccolgono il polline di molte piante diverse, ci sono anche vere specialiste che si concentrano su singole specie vegetali e sulle loro fasi di fioritura. Il polline viene utilizzato come alimento per la prole, mentre il nettare è importante soprattutto come fonte di energia e «carburante di volo» per gli adulti.
Solo se un determinato habitat offre sia luoghi appropriati che relativi accessori per la nidificazione, sia piante adatte all’alimentazione potrà essere colonizzato in modo permanente dalle api selvatiche. La perdita della nostra varietà paesaggistica e il declino delle api selvatiche vanno quindi di pari passo.

 



2.    Perché è così importante per noi proteggere le api selvatiche?

 


Il valore monetario del «lavoro di impollinazione» svolto dagli insetti è stimato in circa 15 miliardi di euro all'anno nella sola Europa. Le api selvatiche svolgono un ruolo chiave in questa funzione e, insieme alle api mellifere e ad altri insetti come i moscerini, sono impollinatori indispensabili sia delle piante coltivate che di quelle selvatiche. Tutte le specie autoctone di api selvatiche si spostano intensamente da un fiore all’altro. Qui raccolgono nettare e polline. Essendo impollinatrici estremamente efficienti, le api selvatiche portano un contributo significativo alla salvaguardia della nostra alimentazione di base, soprattutto nella coltivazione di frutta e verdura. Pertanto, le api selvatiche sono una parte indispensabile dell'ecosistema domestico. 
Nella sola Germania esistono circa 580 specie di api selvatiche autoctone , ma quasi la metà è già a rischio – e questo è allarmante. La salvaguardia delle api selvatiche è quindi un'importante questione pubblica.

 

3.    Quali sono i modi per aiutare le api selvatiche?


Essendo insetti esigenti, le api selvatiche hanno bisogno di una grande varietà di strutture per riprodursi, che devono comprendere un abbondante presenza di piante da fiore e le possibilità di nidificazione menzionate sopra. Nelle città, i giardini e i parchi pubblici, i cimiteri e i terreni incolti offrono grandi opportunità per le api selvatiche, a condizione che siano riccamente diversificati e ospitino specie vegetali autoctone. Pertanto, è proprio nelle città che è possibile trovare numerose specie di api selvatiche, comprese alcune di quelle minacciate.
Nei progetti della Deutsche Wildtier Stiftung cerchiamo soprattutto di creare nuovi habitat. Insieme ai nostri partner - come YOGI TEA - cerchiamo di estendere in modo significativo il range di fioritura per le api selvatiche durante l'intero periodo di vegetazione. Analogamente, per sostenere la riproduzione è molto importante fornire strutture naturali di nidificazione che soddisfino le esigenze speciali dell'ape selvatica. 
Inoltre, il lavoro di educazione è un altro punto importante della protezione delle api selvatiche.

 

4.    Cosa rende la nostra infusione Bee Happy amica delle api?

 

La particolarità dello YOGI TEA® Bee Happy è che nel comporre la miscela ci si è concentrati nell’utilizzare principalmente ingredienti che costituiscono una delle fonti di cibo preferite di molte api selvatiche. Poiché tutte le piante utilizzate vengono raccolte solo dopo la fioritura, la produzione dell’infusione offre quindi superfici di fioritura diverse come fonte di alimentazione per le api selvatiche. Inoltre, la fornitura di ausili per la nidificazione in luoghi di coltivazione selezionati crea anche uno spazio vitale e di nidificazione favorevole alle api. 
Le asteracee, come la camomilla o l'achillea, giocano un ruolo molto importante per le api selvatiche, soprattutto in estate. Le heriades, le dasypode e le colletes sono spesso presenti. Anche le labiate, come timo, salvia, rosmarino, menta piperita, origano o lavanda, sono popolari tra molte api, tra cui molte tra quelle con un tipo di alimentazione specializzata. Qui si trovano principalmente antoforidi, anthidium, le rare rophites e bombi. 

 


5.    In estate si possono vedere molte api: Come faccio a sapere se si tratta di un'ape selvatica o un'ape da miele? E perché la distinzione è così importante?

 

La distinzione è importante perché le api mellifere e le api selvatiche sono in competizione per polline e nettare a causa di paesaggi sempre meno ricchi di fiori. Con un'estrema carenza di piante da fiore e molti alveari di api da miele, questa competizione può implicare che le api selvatiche non riescano a raccogliere abbastanza polline e che la loro riproduzione venga messa a repentaglio. Essendo animali allevati dall’uomo, le api mellifere non sono in pericolo e da generaliste sono molto meno esigenti nella ricerca di cibo rispetto alle api selvatiche.
La maggior parte delle specie di api selvatiche può essere facilmente riconosciuta dalla peluria che le ricopre. Le femmine hanno anche peli speciali sulle zampe posteriori o sotto il ventre, che usano per trasportare il polline. A un esame più attento, è spesso possibile vedere le sacche da polline piene degli animali. Anche le circa 40 specie di bombi in Germania rientrano tra le api selvatiche. Oltre agli esemplari pelosi delle api selvatiche, ci sono un certo numero di specie senza peli. Molti di loro, in particolare le api cuculo, sono di un vistoso colore giallo-nero o rosso-nero. Si confondono facilmente con varie specie di vespe. Le hylaeus, specie nere e poco appariscenti per lo più lunghe meno di un centimetro, vengono spesso scambiate per delle vespe piuttosto che per api selvatiche. La più piccola ape tedesca, la nomioides, misura solo quattro millimetri di lunghezza. Ormai è diffusa solo in pochi luoghi sabbiosi nella pianura dell'Alto Reno. 

 

 

6.    Come privato, cosa posso fare per aiutare le api, ad esempio progettando un giardino o un balcone?

 

Anche nella maggior parte delle grandi città si trovano ancora molte delle specie di api selvatiche più comuni: fornire fonti di cibo e luoghi di nidificazione nel proprio giardino o sul proprio balcone è quindi molto utile. 
Quando si scelgono le piante, è importante puntare sulla più grande varietà possibile di fiori selvatici autoctoni. Questo consentirà al maggior numero possibile di specie di api selvatiche di trovare una fonte di nutrimento adeguata. Analogamente, se possibile, si dovrebbe garantire una fornitura per l'intero periodo di vegetazione, cioè almeno da marzo a ottobre. 
A seconda della stagione, le seguenti piante sono buone fonti di cibo nel tuo giardino:
in primavera gli arbusti fioriti e gli alberi come melo, biancospino, salice, prugnolo, susino. Primi fiorellini come la borsa del pastore, il lamio, il croco o l’aubrezia.
All'inizio dell'estate i fiori di prato ottenuti da una miscela di fiori, piante aromatiche come aneto o finocchio, piselli odorosi e lathyrus, borracina acre, viperina e piante bulbose.
In piena estate le perenni come piante aromatiche vecchie, astri, tanaceto.
Tuttavia, si consiglia cautela con molte forme coltivate di piante da giardino, come astri, dalie o calendule. I loro fiori sono spesso «doppi» e le loro ghiandole nettarifere non sono accessibili alle api. Se una pianta è «doppia», cioè non può essere usata dalle api selvatiche, si capisce dal suffisso latino fl pl. (lat. flore pleno, «con fiore doppio»).
Ovviamente, è meglio evitare di usare qualsiasi tipo di pesticida per la cura del tuo giardino.
Un'altra opzione utile sono gli accessori artificiali per la nidificazione delle api selvatiche. Consentono di osservare l'affascinante vita di questi pacifici animali anche in giardino o sul balcone. 


Ringraziamo il signor Pützstück per l'interessante intervista. 

Related articles