La pratica dello yoga ti riconnette innanzitutto con te stesso/a. Poi, uscendo e tornando nel mondo, potrai condividere questa nuova comprensione di te stesso/a con gli altri.

La pratica dello yoga crea un nuovo rapporto con il corpo, lo spirito e l’anima. Ti porta a riscoprirti e riconoscerti. Permette di sondare le emozioni, i sentimenti e i valori, ma anche di affrontare le paure e i timori. Ti consente di (ri)definire le priorità a partire da un sentimento più profondo e autentico.

Seitliche Ansicht einer meditierenden Frau

La pratica dello yoga ha come obiettivo una più profonda immersione nella propria interiorità e una scomposizione che permette poi di ricomporsi in modo nuovo e veritiero. Quando potrai girare di nuovo per il mondo, la pratica dello yoga ti darà la possibilità di condividere la tua essenza con gli altri, con dignità, rispetto ed empatia.

Però si tratta di un processo.

Un processo che procede passo dopo passo e senza pause, finché riesci a mantenere l’attenzione e la visione interiore.

Il processo di entrare nello stato mentale dello yoga è quindi perfetto in questi giorni di separazione e isolamento. Mentre la realtà ci ricorda che non possiamo controllare ciò che succede all’esterno, possiamo almeno rafforzare la nostra capacità di autocontrollare i nostri pensieri e le nostre azioni.

Perché non approfittare di questi giorni e settimane per accompagnare il nostro Io in un viaggio interiore di autoesplorazione e autopercezione?

Se pratichi già lo yoga e, grazie all’esercizio giornaliero, possiedi già una dinamica, sarai sicuramente già nel flow.

In caso contrario, è arrivato il momento di cominciare!

Prefiggiti obiettivi semplici, comodi da applicare e molto facili da raggiungere.

Pian piano, se lo vorrai, potrai ampliarli.

Lo fai per te stesso/a.

Anche qui si fonda tutto sulla respirazione.

Fai respiri lunghi, lenti e profondi. La padronanza completa e consapevole del respiro è la chiave per aprire gli spazi interiori del riconoscimento e della riscoperta.

E il vantaggio della respirazione è che ci accompagna già tutto il giorno!

Non è necessario preparare, organizzare né andare da nessuna parte. Non serve nulla.

Basta ritagliarsi qualche momento al giorno (e attualmente ne troverai magari tanti nuovi) per raccogliersi e respirare in modo consapevole.

Meditierende Frau

Non importa se in piedi, seduti o sdraiati… in bagno, in cucina, in salotto…

Scegli 2-3 momenti al giorno e fai 10-20 respiri lunghi, lenti e profondi.

Mantenendo una posizione eretta e bilanciata, cerca di tendere e allungare la colonna vertebrale. Con naturalezza, disinvoltura e, soprattutto, rilassatezza. E la massima delicatezza…

Se vuoi puoi anche chiudere gli occhi.

In questi momenti eletti, inizia dirigendo l’attenzione sulla tua postura (soprattutto su quella della colonna vertebrale) e sul ritmo della tua respirazione.

Ritorna sempre a una colonna vertebrale diritta ed eretta e una respirazione (addominale) prolungata e profonda.

Nota come questi piccoli momenti quotidiani riescono a farti uscire dalla tua dimensione consueta.

Percepisci e scopri il grande influsso positivo esercitato da questa respirazione consapevole su tutto il tuo sistema corporeo e spirituale.

Se ti va, puoi anche condividerlo con il prossimo! ;)

Respira la vita.